Via delle Fonti, 72 40128 Bologna
Aperti dal Lunedi al Venerdi: 9.00 - 17.30

Tra cliente e consulente web marketing la fiducia è essenziale

Condivido una piccola riflessione fatta con il mio team su una ciambella che è venuta senza buco. Ci siamo chiesti cosa fa funzionare e cosa no la collaborazione con un cliente, per aiutare meglio i nostri attuali e prossimi.

Buona lettura!

Spesso nel mondo del web marketing (e non solo) vengono proposti focus su Case Study di successo. Lo faccio anche io: è utile, oltre che per aspetti promozionali, per comprendere cosa funzioni, per consolidare quanto di nuovo si è appreso, per costruire e condividere best practices efficaci.

Imparare dagli errori, per non commetterli due volte

A volte le cose non vanno come vorremmo, come si suol dire “non tutte le ciambelle riescono con il buco.” Per fortuna è un evento raro, ma capita a tutti. Credo che anche da questi casi si possa imparare. Vorrei condividere alcune riflessioni al riguardo, cioè su quanto mi/ci è capitato.

Nei miei articoli di blog, parlo spesso in prima persona. In questo articolo, poiché alcune delle riflessioni che seguono sono state fatte con il mio team, con le persone con cui collaboro, utilizzerò la prima persona plurale, il “noi”.

Il posizionamento di un brand è fondamentale 

Non molto tempo fa siamo stati contattati per un lavoro. Dopo aver proposto un preventivo, accettato dal cliente, abbiamo iniziato a lavorarci. (Non entrerò nei dettagli, qui non sono importanti.) Il cliente, che aveva un progetto in cantiere, ci ha chiesto di lavorare su delle specifiche linee guida che gli sono state fornite per la creazione del suo brand. Analizzando queste linee guida, è emersa una notevole confusione.

In particolare, non era chiaro come il brand si volesse posizionare. Sottolineo che questo aspetto non è secondario. Nel marketing, digitale o meno, definire un posizionamento significa capire a quale target puntare. Per un investimento sostenibile ed efficace, è fondamentale fare scelte precise. Non si può mirare a caso, altrimenti si perde tempo e denaro.

Creare fondamenta solide e costruire su di esse

Da subito, abbiamo comunicato al cliente la nostra preoccupazione, ma purtroppo non ha compreso l’importanza di questo aspetto. Ha insistito affinché seguissimo le linee guida date. Abbiamo seguito le indicazioni, ma quando si parte da una base poco chiara, tutto ciò che si produce rischia di risultare altrettanto confuso. Così, le nostre proposte non sono state accettate. Né la prima né le successive, viziate da questo problema.

Abbiamo deciso di consultare un esperto nel settore specifico del committente, per avere un parere esterno. Questo consulente ha confermato le nostre impressioni: mancavano scelte chiare di posizionamento, e al tempo stesso era necessario avere una comprensione chiara del progetto di brand per creare fondamenta solide e su di esse costruire. Di fronte alla nostra richiesta di lavorare insieme per avere questo tipo di informazioni e proporre così nuove idee, il cliente non è stato collaborativo. Si è quindi arrivati a interrompere la collaborazione, la scelta migliore per superare l’impasse.

Come ottenere risultati? Chiarezza, fiducia, collaborazione.

Non intendiamo criticare il cliente, ci mancherebbe! Il nostro desiderio è quello di capire cosa non ha funzionato per imparare la lezione, con l’obiettivo di aiutare i nostri attuali e prossimi clienti nel modo migliore possibile. Abbiamo capito che è basilare chiedere fin dall’inizio tutta la necessaria chiarezza nella definizione della linea strategica su cui lavorare. Qui abbiamo certamente mancato noi, non siamo stati sufficientemente fermi in questa richiesta.

È importante lavorare sempre in modo condiviso e basare la collaborazione sulla fiducia reciproca; in mancanza di questa è meglio, eventualmente, interrompere la collaborazione in modo consensuale.

Qui torno a parlare in prima persona: da quasi 20 anni lavoro in questo campo e posso dire che, per avere risultati, la fiducia è veramente essenziale tra un cliente e il suo consulente in web marketing.

Solo così i successi arrivano e possiamo tonare a scrivere Case Study positive!

Previous Post Previous Post
Newer Post Newer Post