Strategie SEO per siti in WordPress

Le strategie SEO per siti in WordPress che illustro in questo articolo hanno l’obiettivo di:

  • Migliorare il posizionamento di un sito su Google;
  • Aumentare il traffico organico verso un sito;
  • Incrementare il numero di visite e la possibilità di essere contattati da persone interessate ai prodotti o servizi offerti.

Passiamo quindi alla spiegazione vera e propria degli accorgimenti che puoi mettere in pratica sul tuo sito web! Li trovi divisi per categorie: ciascuna corrisponde a una fase di sviluppo del sito.

Strategie SEO per siti: prima di iniziare

Chi ben comincia è a metà dell’opera: questo detto vale anche per le strategie SEO per siti WordPress. Sia che stiamo sviluppando un progetto da zero che esso sia già completato, è importante verificare che:

  • Il servizio di hosting a cui si appoggia il sito sia affidabile per velocità, sicurezza e tempi di caricamento;
  • Il tema prescelto sia SEO friendly: purtroppo, la dicitura “seo friendly” nella descrizione non è sempre una garanzia. Se al suo interno si trovano plugin e script che non vengono utilizzati, il risultato è un inutile rallentamento per il quale Google ci penalizzerà sicuramente. Un altro requisito fondamentale è la responsività: deve essere, quindi, mobile friendly.

TIP: Puoi scaricare la demo e farla analizzare da strumenti come PageSpeed Insights di Google.

Strategie SEO per siti Worpress: lo sviluppo

Una volta installato il tema WordPress SEO friendly che più ci piace, è giunto il momento di entrare nel vivo del progetto. Cosa non bisogna tralasciare?

  • L’installazione di un plugin WordPress come SEO Yoast: ci aiuterà a seguire le best practice e a implementare buone strategie SEO per il blog e per i testi delle pagine;
  • L’ottimizzazione del sito per tutti i dispositivi: un web design responsive è fondamentale per garantire una buona navigazione utente da tutti i dispositivi; Google, inoltre, ha implementato un approccio Mobile-First che valuta negativamente i siti WordPress non responsive;
  • La verifica del tuo sito con Google Search Console e l’invio della mappa del sito;
  • L’ottimizzazione dei contenuti.

Come ottimizzare i contenuti per una strategia SEO vincente

  • Fai keyword research per i testi delle pagine e dei contenuti nel blog;
  • Crea url personalizzate che includono keyword, anche long tail;
  • Rispetta le gerarchie e usa i title tag (H1, H2, H3, e così via) con chiarezza e precisione. Questo significa usare un solo H1 per ogni pagina e articolo, inserire la keyword principale e i suoi sinonimi negli H2 e all’interno dei paragrafi, etc…;
  • Ottimizza i meta tags: usa la parola chiave prescelta al loro interno e rispetta la lunghezza di caratteri suggeriti;
  • Quando possibile e se pertinenti, inserisci link interni – collegamenti ad altre pagine del sito – e link esterni che portano a una pagina di un sito autorevole.

Quando si parla di contenuti SEO il pensiero va immediatamente ai testi. In realtà è importante curare anche altri media, come le immagini e i video.

  • Carica immagini che abbiano un nome chiaro, possibilmente contenente la parola chiave;
  • Scrivi l’alt text;
  • Incorpora i video invece di caricarli. Le principali piattaforme per la riproduzione di video come Youtube e Vimeo sono dotate dello strumento “Condividi”, che permette di copiare il link e di inserirlo sul sito tramite appositi widget.

TIP: Prima di pubblicare il sito, controlla le impostazioni di visibilità sui motori di ricerca: spesso, durante la fase di sviluppo del sito, la visibilità viene nascosta. Ricorda di attivarla!

  • Accedi alla Dashboard del sito;
  • Dalla sidebar a sinistra seleziona “Impostazioni” e poi “Lettura” dal menu a discesa;
  • Scorri in basso fino alla voce “Visibilità ai motori di ricerca” e controlla che non ci sia la spunta nel checkbox accanto a “Scoraggia i motori di ricerca dall’effettuare l’indicizzazione di questo sito”.

L’importanza del Blog per la SEO

Il Blogging rientra tra le attività di Content Marketing che si possono realizzare in una strategia di marketing online. Oltre a migliorare l’autorità nel settore di riferimento, un blog aziendale aumenta la possibilità di avere più chance con diverse parole chiave e quindi essere apparire nei risultati che Google restituisce alle ricerche degli utenti.

Strategie SEO: manutenzione e un consiglio extra

Una strategia SEO porta risultati quando viene curata con costanza nel tempo. Oltre stilare un piano editoriale con contenuti sempre nuovi, è importante eseguire alcune operazioni di manutenzione come:

  • Usare l’attributo no index per contenuti di bassa qualità;
  • Gestire contenuti duplicati con il tag canonical;
  • Rivedere e aggiornare i contenuti ben posizionati usando un plug-in “ultimo aggiornamento” per rassicurare i lettori sulla freschezza e l’accuratezza del contenuto;
  • Reindirizzare le url modificate o eliminate a pagine esistenti. Un piccolo chiarimento: il codice di stato HTTP 301 identifica lo spostamento permanente di una pagina da un posto a un altro, mentre l’errore 404 (not found) ha codice di stato 200 – che indica successo. I motori di ricerca ricevono il messaggio, quindi, che c’è una vera e propria pagina all’URL in questione. Proveranno quindi a eseguire la scansione dell’URL, perdendo tempo prezioso che potrebbe essere impiegato per analizzare pagine più importanti per la SEO.

TIP: Compila accuratamente la tua scheda GoogleMyBusiness per comparire nei risultati di ricerca locali! È uno strumento gratuito che aiuta le aziende a farsi trovare sia su Google che su Google Maps.
Inserisci negli appositi campi il nome e la categoria dell’attività, l’orario, l’indirizzo, il numero di telefono, l’indirizzo del sito web, fotografie che rendano riconoscibile l’azienda e le sue caratteristiche.
Ricordati di mantenerla aggiornata: puoi inserire i contenuti del blog nella sezione “Post”.

Conclusione

I consigli che ho elencato in questo articolo sono basati sulla mia esperienza e sulle best practice più efficaci e conosciute. Mettere in pratica strategie SEO e ottenere risultati richiede pazienza, costanza e voglia di imparare; se il lavoro si rivelasse complesso o ritieni che sarebbe meglio affidarsi a dei professionisti, non esitare a contattarmi!

Previous Post Previous Post
Newer Post Newer Post